La Fondazione ritiene che uno dei capitali più importanti su cui il nostro territorio deve continuare a scommettere e investire è quello della coesione sociale, profondamente minacciata da un generale e drammatico impoverimento delle famiglie. Per questo il nostro ruolo continua a essere sussidiario, ancorché autonomo, rispetto alle iniziative pubbliche e private che le comunità locali esprimono attraverso la propria progettualità, attivando parternariati con quei soggetti che prioritariamente dimostrano la capacità di collaborare, di fare rete e di innovare. La programmazione degli interventi in campo sociale viene attuata con una particolare attenzione alle politiche di sostegno attivo, come quelle dell’accesso al mondo del lavoro (ad esempio il sostegno alla formazione e alla transizione al lavoro dei soggetti più deboli), delle emergenze abitative (progetti di sussidiarietà territoriale e istituzionale in tema di alloggio), nonché delle misure di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, per consentire a chi è nel mondo produttivo di rimanerci. È sempre più evidente la contaminazione tra i settori, con l’obiettivo di lavorare a progetti comuni e trasversali e di intervenire in maniera più strutturata su aree specifiche come quella della scuola.

Filtra i post
Sociale danza scuola

“La classe. Recita scolastica” debutta al Betti il 5 dicembre

3 Dicembre 2018

Alla vigilia del 28° anniversario dalla strage che colpì la loro scuola, 20 studenti e 15 insegnanti dell’Istituto Salvemini...

Sociale danza scuola

Progetto Sottosopra, 150 ragazzi coinvolti

21 Novembre 2018

Un successo la terza edizione del progetto di Selene Centro Studi/Ekodanza. Si prepara la quarta edizione Centocinquanta ragazzi coinvolti...