Pane e Pomodoro

L’orto di via Felice Battaglia apre alla città

Mercoledì 19 settembre alle ore 17 l’orto in via Felice Battaglia a Bologna, gestito dalla Fondazione Gualandi all’interno del progetto “Pane e Pomodoro” apre le porte per presentarsi alla città. L’orto, nato tre anni fa, offre occasioni educative e inclusive a disabili sordi e, da quest’anno, anche ad adolescenti e bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria della Fondazione Gualandi.

All’evento interverranno rappresentanti del Comune di Bologna, della Fondazione del Monte, del Pio istituto sordomute povere di Bologna, dell’Azienda Usl e della cooperativa Agriverde. A seguire, visita guidata all’orto e piccolo buffet preparato dai ragazzi sordi inseriti nel progetto.

Nel corso del pomeriggio saranno condivisi i risultati, le esperienze e le potenzialità che il progetto “Pane e Pomodoro” ha permesso di realizzare. Nato nel 2016, si rivolge a giovani e adulti sordi di origine straniera in condizioni sociali e comunicative di grande disagio. È composto da diverse attività: un corso di Lis e di alfabetizzazione alla lingua italiana, attività formative e pratiche in aula, lavoro nell’orto e in cucina per la trasformazione dei prodotti.

“Pane e pomodoro” è realizzato con il sostegno della Fondazione del Monte e, dall’anno scorso, dal Pio istituto sordomute povere.

Photo credit: Fondazione Gualandi