Lungo Reno Navile, 10 km tra l’acqua e la città

A piedi e in bicicletta dal parco pubblico della Chiusa di Casalecchio di Reno a Porta Lame, poi al quartiere Navile e infine al Ponte della Bionda: il primo luglio 2015, dopo anni di lavori si sono inaugurati dieci dei quindici chilometri del percorso ciclopedonale Lungo Reno Navile, da Casalecchio a Castel Maggiore. Una passeggiata attraverso una storia antica e recente, un percorso di grande suggestione, in parte già molto conosciuto e frequentato, che oggi viene consolidato e completato e che, nella sua continuità, darà ancora più importanza alla “Bologna delle acque”.

Alle 19 al Sostegno della Bova, in via Bovi Campeggi, il Sindaco Virginio Merola e il Presidente della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Marco Cammelli, hanno tagliato il nastro del percorso ciclopedonale che parte da Casalecchio di Reno, passa da Bologna e arriva al Ponte della Bionda, seguendo il corso del Canale di Reno e del Navile. A Castel Maggiore si potrà invece arrivare a primavera 2016, quando si concluderanno i lavori dell’ultimo tratto del percorso.

Il Sostegno della Bova non è stato scelto a caso per l’inaugurazione: la riapertura del sottopasso ferroviario e il riordino delle aree adiacenti è uno degli interventi più importanti e attesi del progetto, sia per il grande valore storico-testimoniale, sia per i risvolti positivi sulla viabilità ciclopedonale. L’apertura del sottopasso risolve infatti una delle cesure più critiche dell’intero tracciato e consente la connessione a piedi e in bici tra il centro storico di Bologna e la zona a nord della stazione ferroviaria.

Dopo il taglio del nastro tutti a piedi e in bici verso l’arena di Villa Angeletti, il parco adiacente a via Carracci, dove dopo i saluti istituzionali si è tenuto un aperitivo e la festa con Roaring Emily Jazz Band e Sussi e Biribissi.

Questa inaugurazione giunge a sei anni dallo studio di fattibilità, eseguito nel 2009, per completare l’itinerario. In quel momento, d’intesa con i Comuni di Bologna, Casalecchio e Castel Maggiore, la Fondazione del Monte decise di procedere al cofinanziamento per una serie di interventi funzionali alla conclusione del progetto, che ha un valore complessivo di un milione di euro. La progettazione è stata curata dalla Fondazione Villa Ghigi.

Il percorso progettuale è partito da un confronto preliminare con i numerosi soggetti coinvolti: gli enti che gestiscono il sistema idraulico e le sue pertinenze (Servizio tecnico di Bacino Reno della Regione Emilia-Romagna, Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno, Autorità di Bacino Reno); gli uffici tecnici dei Comuni di Bologna, Casalecchio di Reno e Castel Maggiore; i quartieri Navile e Porto; alcuni enti privati direttamente interessati dalle scelte progettuali, come Rete Ferroviaria Italiana (RFI), Terna Rete Italia, Enel, e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Bologna. Inoltre sono state coinvolte alcune associazioni cicloturistiche e culturali attive sul territorio. Tra il 2012 e il 2013 è avvenuta la redazione del progetto e la sua approvazione da parte della Soprintendenza, delle Commissioni per la qualità architettonica e il paesaggio dei tre Comuni, degli enti territoriali competenti. I lavori del tracciato bolognese sono iniziati nella primavera del 2014. A oggi sono percorribili circa dieci dei quindici chilometri totali del percorso ciclopedonale, che prevede di arrivare fino a Castel Maggiore: qui entro la fine di luglio 2015 si espleteranno le procedure di appalto per l’affidamento dei lavori, la cui conclusione è prevista nella primavera dell’anno prossimo.

La festa di inaugurazione del percorso ciclopedonale sui canali di Reno e Navile durerà fino al mese di novembre con un calendario di iniziative curate dall’associazione Vitruvio e realizzate con il contributo della Fondazione del Monte: tour in bici, visite guidate, concerti e spettacoli per raccontare acque, fiumi e canali del nostro territorio.

Info e prenotazioni

3293659446

www.lungorenonavile.it

facebook/lungorenonavile