Mère Ubu impresaria di teatro carcere

Dal 6 al 10 gennaio 2018 il Teatro Arena del Sole ha ospitato la prima nazionale di Mère Ubu impresaria di teatro carcere, il nuovo spettacolo di Paolo Billi con la Compagnia del Pratello, formata da ragazzi in carico ai Servizi di Giustizia minorile provenienti da Comunità Educative del territorio regionale e da attrici e attori di Botteghe Molière.

Elemento fondamentale dello spettacolo è il video di scena realizzato all’interno dell’Istituto Penale Minorile di Bologna da Simone Tacconelli e Manuela Tommarelli che da settembre a novembre hanno coinvolto dodici giovani detenuti in attività laboratoriali di scenotecnica, di prove e di riprese. Dentro all’ex chiesa-teatro dell’Istituto Penale è stata costruita la struttura di un panopticon, il modello di carcere progettato nel Settecento, affermatosi sino al Novecento, caratterizzato dal fatto che il detenuto, (criminale o malato o pazzo che sia), sia sempre visibile alla sorveglianza: sa di esserlo ma non sa quando. Scrive Billi nelle note di regia: “Mère Ubu, folgorata dall’arte teatrale nella sua permanenza in carcere, una volta scontata la pena, si dedica al Teatro Galera, quale strumento di redenzione sociale, diventando una impresaria di teatro in cui far esibire monstrum e suscitare nel pubblico pietà e sconcerto. Circondata dalle volontarie “Dame della Compagnia di San Scalognata”, da giovin e vecchi attori galeotti, Mère Ubu dà vita a un Teatrino Patafisico, con numeri di arte varia che si ispirano a Rabelais, Cervantes e Swift. Mère Ubu si lancia in impietose e stridenti riflessioni sul teatro che si fa in carcere, ribollendo insieme Goldoni e Pirandello”.

Mère Ubu impresaria di teatro carcere è un pastiche patafisico e grottesco, contro i buoni sentimenti e i luoghi comuni che son fioriti intorno al Teatro in Carcere in tutti questi anni. Lo spettacolo fa parte del progetto Le Patafisiche, che coinvolge nel triennio 2016-2018 sei registi impegnati sull’opera di Alfred Jarry in sette carceri della regione e nei Servizi di Giustizia Minorile.

Il progetto del Teatro del Pratello è sostenuto dalla Fondazione del Monte (qui per approfondimenti).

Per informazioni: 051558576 – info@teatrodelpratello.it