Omaggio a Gioachino Rossini

Sabato 14 aprile alle ore 20.30,primo appuntamento della trilogia che il LabOratorio di San Filippo Neri ha voluto dedicare a Gioachino Rossini nel centocinquantenario della morte, anniversario importante e atteso, al punto che il MiBACT ha nominato il compositore ambasciatore della Bellezza Italiana per il 2018.

Per ricordare questo caposaldo del teatro musicale italiano, il LabOratorio ha affidato all’attore e regista Gabriele Duma il compito di pensare e realizzare una produzione ad hoc per lo spazio dove ha già portato in passato racconti di grandi opere.

Ne è nato un singolare esperimento: il racconto di un’opera a puntate. Semiramide, il melodramma scritto da Rossini nel 1823, sarà infatti narrato e cantato nel corso di tre puntate per tre sabati consecutivi.

Semiramide, regina di Babilonia, ripercorrerà la sua emblematica vicenda specchiandosi nelle tre figure femminili fondamentali della vita del compositore: la prima moglie Isabella Colbran, la madre Anna Guidarini e la seconda moglie Olympe Pélissier.

Nella Prima puntata: gli antefatti, l’incontro sarà con Isabella Colbran, celeberrima soprano, primadonna assoluta nei teatri d’Europa. Per lei e con lei, Gioachino scrisse molti straordinari ruoli. Sinceramente innamorato, lui la sposò, ma a matrimonio esaurito lei, persa la voce, si ritrovò sola nella villa di Castenaso. Semiramide è stato l’ultimo ruolo che ha cantato.

Gli appuntamenti successivi: