Sospese le tradizionali scadenze

La Fondazione del Monte ha previsto per il 2018 e 2019 di concentrare il suo impegno, per quanto riguarda il settore Ricerca scientifica e tecnologica, nel progetto di costruzione della Torre Biomedica che sorgerà all’interno del Policlinico S. Orsola di Bologna. L’investimento per la Fondazione sarà pari a 1.000.000 di euro nel biennio 2018-2019 e coinvolgerà anche il settore Sviluppo del Territorio.

Per questo motivo, per il corrente anno 2018 e per il prossimo, non si potranno presentare progetti entro le tradizionali scadenze.

La Torre Biomedica ospiterà infrastrutture tecnologicamente avanzate per la ricerca e sarà organizzata in modo tale da favorire la condivisione delle attrezzature e la collaborazione tra diversi gruppi scientifici di lavoro in un’ottica fortemente interdisciplinare.

L’approfondimento del professor Luigi Bolondi, consigliere delegato del settore Ricerca scientifica e tecnologica:

Il settore Ricerca scientifica e tecnologica ha previsto per il 2018 e il 2019 un significativo cambiamento nella destinazione delle proprie risorse. Dopo molti anni nei quali le erogazioni sono state finalizzate al finanziamento di progetti di ricerca presentati entro le tradizionali “finestre”, si è deciso di far confluire le risorse del settore in un grande progetto strategico.

Questo consiste nella realizzazione di un’infrastruttura denominata Torre Biomedica, dedicata alla ricerca, che nascerà all’interno del Policlinico S.Orsola, sulla base di un modello già presente all’interno dell’ospedale (il CRBA, Centro di Ricerca Biomedica Applicata). Tale progetto, che fa parte del piano strategico dell’Ateneo, è stato presentato dal Magnifico Rettore al Consiglio di Indirizzo e al Consiglio di Amministrazione della Fondazione il 27 settembre 2017. Ha la finalità di accogliere, soddisfare e integrare le esigenze dei diversi gruppi di ricerca presenti all’interno di tutte le aree biomediche universitarie, recependo anche l’esigenza di riportare la ricerca preclinica all’interno del S. Orsola per favorirne l’integrazione e la sinergia con l’area clinica.

Questo progetto, il cui costo complessivo è pari a 18 milioni di euro circa, ha trovato la larga approvazione di tutta la comunità scientifica dell’area biomedica che gravita intorno a Medicina, dalla quale provengono la maggioranza delle richieste alla Fondazione.
La Torre Biomedica costituirà un centro di livello europeo ed internazionale, a disposizione dei tanti giovani ricercatori dell’Università di Bologna.

Per il 2018 e il 2019 non si potranno quindi presentare progetti entro le tradizionali scadenze.