Una settimana per una vita sana 2017

Camice, contagocce, becher, un foglio di carta. Una soluzione piena di radicali liberi e tanti succhi di frutta.
Sono gli ingredienti di un esperimento condotto con quasi 700 alunni delle medie di Bologna, che nei laboratori di scienze delle loro scuole hanno sperimentato che mangiare sano serve a stare bene. Una settimana per una Vita Sana, quest’anno alla sua nona edizione, ha coinvolto dieci scuole secondarie di primo grado della città che, alla fine del percorso, si sono sfidate nella realizzazione di un progetto grafico dal titolo “La MIA vita sana”.

Obiettivo del progetto Una settimana per una vita Sana, coordinato dal Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita dell’Università di Bologna e sostenuto dalla Fondazione del Monte, è promuovere una sana alimentazione e corretti stili di vita per il benessere e la prevenzione di patologie degenerative. Gli studenti hanno potuto vedere praticamente e sperimentare in prima persona cosa avviene nell’ organismo quando mangiamo cibi sani. Ecco come: hanno versato dentro un bicchierino una soluzione piena di radicali liberi, di colore blu, e hanno aggiunto alla soluzione succo al mirtillo. Il risultato finale è una soluzione trasparente.  In questo modo hanno visto come la frutta neutralizza i radicali liberi.

I laboratori si sono svolti da febbraio ad aprile e hanno coinvolto 30 classi di diverse scuole (Besta, Guercino, Guido Reni, Irnerio, Leonardo da Vinci, Pepoli, Rolandino de’ Passaggeri, Salvo d’Acquisto, Volta, Zanotti).
I ragazzi si sono cimentati poi nel concorso grafico “La MIA Vita sana”, partecipando con 81 elaborati diversi. Le premiazioni si sono svolte il 4 maggio all’Arena del Sole di Bologna.
Sul podio al primo posto, la classe 2°P della scuola Besta; al secondo posto la classe 2°A della scuola Irnerio; al terzo posto la classe 2°D delle scuole Rolandino de’ Passaggeri.
Durante la giornata di premiazione gli studenti hanno parlato anche di sport con la A.s.d. Bologna United Handball Club, militante nel Campionato Nazionale di Serie A1 di Pallamano, confrontandosi su l’importanza dell’attività fisica per uno stile di vita equilibrato e per un futuro meno a rischio di patologie metaboliche che sono in aumento tra bambini e adolescenti.

Il progetto Una settimana per una Vita Sana in nove anni di attività ha coinvolto in tutto 22 scuole per un totale di 8.740 alunni.