Nuovo bando della Fondazione: “La cultura come strumento di integrazione”

Il bando “La cultura come strumento di integrazione: la parola alle donne” prevede 150mila euro per sostenere progetti di rilevanti dimensioni (minimo 30.000 euro per progetto) volti all’integrazione. Scade l’1 luglio. La Fondazione vuole contribuire al processo di integrazione delle tante famiglie straniere già presenti sul nostro territorio, puntando sulle donne, che nell’ambito della famiglia, hanno spesso un ruolo centrale nella trasmissione dei modelli culturali.

L’obiettivo è sostenere progetti di ampio respiro, in grado di creare una migliore integrazione attraverso il potenziamento delle competenze linguistiche e culturali indispensabili per la ricerca del lavoro oppure di comprendere e far comprendere la cultura dell’altro tramite la cucina, la danza, la musica e lo sport, agendo nei luoghi pubblici di aggregazione, dalle scuole alle palestre, dai teatri alle biblioteche.