Summer school “Far quadrare i conti”: iscrizioni aperte

Una scuola per studiare la contabilità negli antichi Monti di pietà: si chiama “Balancing the books. Administration and bookkeeping in premodern charitable and civic agencies”, “Far quadrare i conti. Contabilità e amministrazione negli antichi Monti di pietà, nei luoghi pii e nelle istituzioni civiche” la 1ª Scuola dottorale organizzata dal 24 al 27 giugno dal Centro Studi sui Monti di Pietà e sul credito solidaristico della Fondazione del Monte in collaborazione con l’Università di Bologna e l’Archivio di Stato di Bologna.

Il programma

Fra Medioevo ed Età moderna le città italiane sono state laboratori di incubazione per lo sviluppo di istituzioni, aziende e tecniche economiche nuove in un serrato dialogo fra etica, pratica mercantile e riflessione teorica. L’originale sviluppo di innovative pratiche contabili è stato tradizionalmente associato alla rivoluzione commerciale e al razionalismo economico del lucro. Ma la razionalizzazione della tenuta dei conti, lo sviluppo di modelli di registrazione metodici e uniformi, la formazione di un ceto professionale di computisti servì anche ad altri scopi, si diffuse e influenzò molteplici ambiti di amministrazione: dalle ditte mercantili alle istituzioni civiche, dagli enti religiosi ai luoghi pii.

Le carte contabili saranno, allora, le protagoniste del seminario, che ha l’obiettivo di far comprendere che la ragioneria fu di fondamentale importanza per lo sviluppo di istituzioni non mercantili. Le scritture rispondevano infatti alle esigenze di efficienza, informazione e controllo di grandi enti economici a prescindere dalle finalità e lasciavano così intravvedere gli esordi di una razionalità economica non rivolta al lucro individuale ma all’interesse collettivo. Attraverso i documenti d’archivio si possono infatti osservare i flussi e le destinazioni delle risorse, intravvedere gli interessi in gioco, apprezzare il lento accumularsi di un prezioso sapere gestionale volto a tutelare il patrimonio “pubblico” da distrazioni e malversazioni. Nel corso degli incontri, studiosi specialisti presenteranno questioni e fonti relative ai conti del monte, alla contabilità di un ospedale (Santa Maria della Scala) e alla spesa pubblica e alla fiscalità del comune di Bologna.

Come partecipare. Sono ammessi a partecipare tutti coloro che sono in possesso di laurea specialistica o magistrale, dottorandi e dottori di ricerca, diplomati nelle scuole di specializzazione, assegnisti di ricerca e borsiti post lauream in discipline storico-economiche e medievistiche provenienti da qualsiasi sede universitaria. La partecipazione alla scuola dottorale è destinata a 12 giovani studiosi, selezionati a giudizio del Comitato Scientifico del Centro Studi sui Monti di Pietà e sul credito solidaristico per valutazione dei titoli, dei curricula e delle motivazioni presentate. Saranno inoltre ammessi un numero variabile di candidati residenti a Bologna e nei dintorni senza borsa. La scuola dottorale ha carattere residenziale. Gli ammessi sono tenuti ad assistere con assiduità a tutte le sedute e a svolgere una piccola presentazione della propria ricerca, secondo il programma che sarà divulgato nelle battute iniziali della summer school. Al termine della scuola dottorale sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di partecipazione. Agli ammessi sarà offerto vito e alloggio.

Le candidature. I candidati dovranno presentare: una domanda di ammissione con l’indicazione delle generalità e dell’attuale status formativo o professionale, corredata dall’indicazione dei recapiti postale, telefonico ed e-mail, utilizzando l’apposito modulo; una breve descrizione del progetto di ricerca in corso; un curriculum (di massimo due cartelle) degli studi seguiti e dell’attività scientifica svolta; copia di eventuali pubblicazioni edite e inedite nel numero massimo previsto di 3; lettere di motivazione per partecipare alla scuola dottorale. Le domande dovranno pervenire all’indirizzo di posta elettronica centromonti@fondazionedelmonte.it, allegando la documentazione richiesta, entro e non oltre le 12 del 30 aprile 2019. La comunicazione agli ammessi alla scuola dottorale sarà effettuata, per posta elettronica, entro il 10 maggio 2019.