INS – Insieme nella Scuola

“Grazie, grazie”, il video del progetto “Salute e benessere nella scuola”

“Grazie, grazie”: un video per condividere il senso delle attività che, nel corso dell’anno scolastico 2018/2019, gli studenti dell’Istituto Olivetti Callegari di Ravenna hanno realizzato nell’ambito del progetto “Salute e benessere nella scuola”. Nato da un’idea della Consociazione nazionale associazioni infermieri nucleo di Ravenna, il progetto prevede la sperimentazione di una buona pratica infermieristica, molto presente all’estero, meno in Italia: quella dell’infermiere scolastico.

Nel video, gli studenti, i docenti e l’infermiere scolastico Claudio Proni interpretano loro stessi e, attraverso il racconto di una giornata che nasce qualsiasi ma si trasforma in stra-ordinaria, spiegano perché “L’infermiere scolastico è una risorsa importante per sensibilizzare gli studenti sugli stili di vita salutari, collaborando con gli insegnanti all’interno dell’istituto”, recita il video, che si snoda attraverso le parole alimentazione, abitudini alimentari, corretta alimentazione, stili di vita, benessere, diete fai da te.

Il video rientra, come detto, fa parte di “Salute e benessere nella scuola”, che a sua volta fa parte del progetto più ampio sostenuto dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna “INS – Insieme nella scuola” che a Ravenna raggiunge circa 70 classi per un totale di oltre 1400 studenti.

“L’adolescenza è un periodo molto particolare: è una fase di cambiamento. I ragazzi hanno a che fare con nuove emozioni e vogliono sperimentare tutti i fattori di rischio. Vogliono sperimentare perché devono conoscere: così, metterli in guardia sui rischi diventa fondamentale”, spiega Riccarda Suprani, coordinatrice del progetto “Salute e benessere nella scuola”.

“Il mio ruolo prevede anche una parte di educazione alla vita: si tratta di corsi di formazione nelle classi. Tra i temi che affrontiamo, le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità, l’uso degli integratori, il primo soccorso in caso di corpo estraneo, il primo soccorso in generale e l’uso dei defibrillatori per gli studenti delle terze medie e delle quarte e quinte superiori”, aggiunge Claudio Proni, infermiere scolastico.

Qui il video del progetto “Salute e benessere nelle scuole”